The Periodic Table of BIM Italy (versione beta/rookies*)

ver.(2019.09.13_v1d) - Attenzione la tabella è in fase di completamento...

  • Metodologia BIM
  • Condivisione dei Dati
  • Procedure/Tools
  • Livelli/Dimensioni
  • Acronimi BIM
  • Discipline BIM
  • Standard ISO
  • Standard UNI
  • Normativa Italiana MIT
  • Norme Costruzioni NTC
  • Strumenti Software
  • Visualizzatori IFC
  • Sviluppo/Formazione
  • Link Fonti/Riferimenti
  • BIM
    Il Building Information Modeling è un processo collaborativo tra i vari soggetti della filiera delle costruzioni basato sulla generazione e lo scambio di dati a partire da un prototipo virtuale dell'edificio. Comprende tutte le fasi del ciclo di vita della costruzione dalla progettazione alla manutenzione.

    Infografica BIM

  • openBIM
    L'openBIM è una strategia che consente di velocizzare l'adozione del BIM contrastando la scarsa interoperabilità dei software nel settore delle costruzioni. Propone di gestire e comunicare i dati elettronici relativi al progetto tra i vari attori della filiera senza utilizzare un sistema proprietario dei dati.
  • IFC
    Il formato IFC (Industry Foundation Classes) è stato sviluppato da buildingSMART e facilita l’interoperabilità nel settore delle costruzioni. E' un formato opensource e indipendente da qualsiasi produttore di software ed è il formato più diffuso per lo scambio di dati tra applicati BIM.

    Elenco dei migliori visualizzatori gratuiti di file IFC per lo scambio di dati tra applicati BIM

  • EIR
    (CI)
    Capitolato Informativo (CI) equivalente dell'Employer’s Information Requirements (EIR) - Richieste informative di commessa del committente - UNI 11337 parte 5. Viene redatto dall’ente appaltante per poter definire: gli obiettivi e gli usi del modello, il contenuto informativo minimo (LOD) e i requisiti minimi tecnici e strumentali dell’affidatario
  • pre BEP
    (oGI)
    Offerta della Gestione Informativa (oGI - UNI 11337 parte 5) anche detto Precontract BIM Execution Plan (Pre Bep - Piano informativo di commessa dell’appaltatore) è un documento attraverso il quale gli operatori economici specificano le modalità di gestione informativa che intendono adottare in risposta alle richieste formulate dal committente nel CI.
  • BEP
    (pGI)
    Il Piano di Gestione Informativa (pGI - Uni 11337 parte 5), equivalente del BIM Execution Plan (BEP) di matrice anglosassone, è la risposta progettuale alle richieste che il committente ha precedentemente formulato in un documento che si chiama Capitolato Informativo (CI). Viene redatto dall'affidatario incaricato a valle dell'aggiudicazione.
  • CDE
    (ACDat)
    L’Ambiente di Condivisione di Dati (ACDat) - anche detto Common Data Environment (CDE)- è l’infrastruttura informatica necessaria affinché possa realizzarsi in modo efficiente lo scambio di informazioni fra i diversi soggetti coinvolti nel progetto secondo precise regole contrattuali. In merito si rinvia alla UNI 11337 parte 1
  • OIB
    Organization Information HandBook (OIB) - Manuale di Gestione Informativa - è un documento di natura strategica

    https://www.ingenio-web.it/24247-manuale-di-gestione-informativa-organization-information-handbook

  • BIM
    Maturity
    Ci sono diversi livelli di collaborazione condivisa in un progetto di costruzione. Questi sono conosciuti come livelli di maturità BIM. Man mano che si procede attraverso i livelli, la collaborazione tra le varie parti della commessa aumenta. Al momento esistono quattro distinti livelli di maturità BIM.
  • CAD
    (Level 0)
    BIM Livello 0 (Bassa Collaborazione): È il passo più semplice del processo di generazione delle informazioni. Non coinvolge praticamente alcun livello di cooperazione. In questa fase, la produzione e la condivisione delle informazioni si svolgono con l’aiuto di documenti cartacei e disegni CAD.
  • 2D/3D
    (Level 1)
    BIM Livello 1 (Collaborazione Parziale): in questo caso viene utilizzato un Common Data Environment (CDE) che in Italia è stato definito come Ambiente di Condivisione Dati (ACDat). Nel BIM Level 1 si concentra la transizione delle informazioni da CAD 2D e 3D ma nonostante la presenza di un ambiente di dati comune, i modelli generati non vengono distribuiti tra i vari agenti
  • BIMs
    (Level 2)
    BIM Livello 2 (Collaborazione Completa): a questo livello vengono introdotte due nuove dimensioni, relative alla gestione del progetto. Il 4D (Construction Project Management) che è legato alla gestione del tempo e il 5D (Document Management Project Controls Workflow Management ) collegato al calcolo del budget.
  • iBIM
    (Level 3)
    BIM Livello 3 (Integrazione Completa): raggiungimento della piena integrazione (iBIM) delle informazioni in un ambiente basato su cloud utilizzando un modello condiviso comune accessibile a i vari agenti che lavorano al progetto con la possibilità di modificarlo e / o aggiungere il proprio pezzo di informazioni.
  • "IdBIM"
    (Level 4)
    BIM Livello 4 (non ancora implementato): tramite data mining e l'applicazione di algoritmi, gli edifici possono essere progettati in sintonia con i desideri e le richieste delle comunità. Il progetto diventerà rapido, semi-automatizzato, con edifici suggeriti da Intelligent Data in un ambiente Smart Cities al fine di migliorare il benessere dei cittadini.
  • BIM
    Dimensions
    Grazie al repository di informazioni centrale i diversi membri del team di progetto, in diverse fasi del suo ciclo di vita, possono aggiungere, modificare o estrarre informazioni dal modello. Quando la definizione della geometria e il livello delle informazioni contenute nel modello sono sufficienti è possibile eseguire sul modello diversi tipi di analisi.
  • 3D
    Modelling
    Modello Geometrico object-based di tutte le discipline di progetto rappresentato intorno alle entità del progetto (muri, pilastri, finestre, ecc.) e alle loro reciproche relazioni. La geometria costituisce solo una delle diverse proprietà di questi oggetti parametrici che sono in grado di aggiornarsi in un ambiente BIM al variare del contesto.
  • 4D
    Scheduling
    BIM 4D: Gestione dei tempi di costruzione. Consente la gestione temporale del progetto
  • 5D
    Estimating
    BIM 5D: Gestione dei costi di costruzione.
  • 6D
    Facility Management
    BIM 6D: Gestione della manutenzione dell’edificio o dell’infrastruttura dalla progettazione, all’esercizio e fino alla demolizione, ottimizzandone la gestione operativa.
  • 7D
    Sustainability
    BIM 7D: Gestione del ciclo di vita dell’edificio o dell’infrastruttura relativo alla sostenibilità del progetto da un punto di vista ambientale, economico e sociale. Consente, ad esempio, di stimare il fabbisogno energetico in modo più accurato di quanto fatto nel processo di progettazione, fornendo gli strumenti per consentire una riduzione complessiva dei consumi.
  • AEC
    Il settore delle costruzioni in ambito internazionale viene indicato con l’espressione AEC: Architecture, Engineering and Construction
  • AIM
    Asset Information Model è il modello informativo dell’opera così come realizzata e l'equivalente del fascicolo dell’opera
  • AIR
    Asset information requirements - Richieste informative a livello di portafoglio immobiliare, Asset (Esercizio: gestione e manutenzione)
  • VDC
    IL Virtual Design and Construction (VDC) garantisce che il modello dell'edificio venga studiato ottimizzando la logistica del sito, la sicurezza, pianificazione visiva (4D) con riduzione dei costi di progetto. Il BIM è molto più specifico di VDC, ma entrambi sono essenzialmente metodi di pianificazione e gestione di modelli integrati di prestazioni multidisciplinari.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Virtual_design_and_construction

  • DMC
    Design Manufacture Construct (DMC) è un nuovo sistema di realizzazione di edifici prefabbricati che sostituisce i metodi di progettazione e costruzione tradizionali. Sfrutta il processo BIM per aumentare la produzione rendendo successivamente l'assemblaggio della costruzione molto semplice e veloce abbassando il costo complessivo della commessa.

  • MDVs
    Le Model View Definitions (MVDs) definiscono le indicazioni e quindi i requisiti software per l’implementazione di tutti i concetti IFC (classi, attributi, relazioni, set di proprietà, definizioni quantitative, etc.) utilizzati nell’ambito di uno specifico subset.

    https://technical.buildingsmart.org/standards/mvd/

  • IDM
    Information Delivery Manual (IDM): assicura che i dati siano comunicati in maniera ordinata per essere interpretati dal sistema hardware o software che li riceve in maniera univoca. Un esempio classico è quello del formato della data del calendario dove l’ordine dei dati riferiti a giorno/mese/anno, varia nei diversi paesi del mondo.

    https://www.buildingsmart.org/standards/bsi-standards/information-delivery-manual/

  • BFC
    BIM collaboration format: BCF is now a buildingSMART International openBIM standard, like IFC and the Data Dictionary (bSDD), open for all to use. Allows different BIM applications to communicate model-based issues with each other by leveraging IFC models that have been previously shared among project collaborators.

    https://technical.buildingsmart.org/standards/bcf/

  • bSDD
    BuildingSMART Data Dictionary (bSDD): è un protocollo che consente la creazione di dizionari multilingue. Si tratta di una libreria di riferimento destinata a migliorare l’interoperabilità nel settore dell’ambiente costruito.

    https://technical.buildingsmart.org/standards/bsdd/

  • ERP
    Enterprise resource planning (letteralmente "pianificazione delle risorse d'impresa", spesso abbreviato in ERP è un software di gestione che integra tutti i processi di business rilevanti di un'azienda (vendite, acquisti, gestione magazzino, contabilità ecc.).

    https://it.wikipedia.org/wiki/Enterprise_resource_planning

  • BSM
    Building Management System
  • CPI
    Coordinated Project Information
  • CPIx
    Construction Project Information x-change
  • DMS
    Document Management System
  • EMCS
    EMCS (European MEPcontent Standard)
  • LOD
    LOD: Level of Definition (UK) or Level of Model Detail (US – Level of Development). Il livello di sviluppo degli oggetti digitali che compongono i modelli, definisce quantità e qualità del loro contenuto informativo ed è funzionale al raggiungimento degli obiettivi delle fasi del processo e degli usi ed obiettivi del modello cui si riferiscono.
  • LOG
    LOG: Levels of Geometry - Informazioni grafiche. La norma UNI 11337 parte 4, fa una distinzione tra Livello delle informazioni grafiche (LOG) e di attributi (LOI) che devono essere contenuti nella progettazione BIM oriented. Questi due concetti che confluiscono nel LOD secondo una codificazione a lettere (A,B,C...G)
  • LOI
    LOI: Levels of model information - Attributi. La norma UNI 11337 parte 4, fa una distinzione tra Livello delle informazioni grafiche (LOG) e di attributi (LOI) che devono essere contenuti nella progettazione BIM oriented. Questi due concetti che confluiscono nel LOD secondo una codificazione a lettere (A,B,C...G)
  • PIM
    Project information model - Modello informativo di commessa (progetto/ed esecuzione dell’intervento)
  • PIP
    Project Implementation Plan
  • gbXML
    (Green Building XML) formato di scambio di BIM per i sistemi di simulazione energetica
  • Modello "Federato"
    Il modello BIM non è costituito da un unico file. Ogni progetto ha un certo numero di sottomodelli (incentrati su specifiche discipline) che sono raccolti in un modello cosiddetto “federato” e generati per mezzo di software di BIM Authoring. Il tipico progetto edilizio può essere formato dal modello architettonico, strutturale e da altri modelli specialistici.
  • ARCH
    Architettura
    Modello Architettonico: è il cuore pulsante del prototipo virtuale formato su elementi parametrici su cui si alimenta il processo informativo del BIM
  • STR/SIM
    Strutture
    Structural Information Modeling (SIM): nel BIM si rappresentano le parti strutturali con gli elementi comuni a più discipline, ossia elementi travi, pilastri, solai ecc. Purtroppo al momento, in attesa dell'ampliamento dello standard IFC, pochi software recepiscono e/o attivano contemporaneamente il modello analitico della struttura.
  • MEP
    Impianti
    MEP: Mechanical, electrical, and plumbing. Progettazione impiantistica parametrica che racchiude i tre settori principali meccanico, elettico e idraulico (es. condutture, tubazioni e cablaggi) integrata nel modello, ossia perfettamente coordinata all’edificio virtuale
  • BEM
    Energy
    BEM (Building Energy Model) è il modello energetico del sistema edificio-impianto. Integra nel BIM i dati e le informazioni energetiche, come ad esempio gli impianti, la tipologia di isolamento, l’involucro opaco, le strutture vetrate, gli apporti energetici, i dati climatici, gli apporti interni, gli aspetti e le caratteristiche di riscaldamento, raffreddamento e ventilazione.
  • SBEM
    Energy
    SBEM (Simplified Building Energy Model) è il modello energetico semplificato del sistema edificio-impianto.

    https://www.designingbuildings.co.uk/wiki/Sbem

  • HBIM
    Historic
    Heritage or Historic Building Information Modelling is a system for modelling historic structures from laser scan and photogrammetric data. Is proposed as a new system of modelling historic structures; the HBIM process begins with remote collection of survey data using a terrestrial laser scanner combined with digital cameras.
  • (GIS)
    Geographical
    IL Geographical Information System (GIS) è un formato geografico che in futuro verrà integrato nell'openBIM. Il modello BIM supporta informazioni georefenziate ma al momento per convertire il dato GIS in BIM o viceversa non è semplice a causa delle differenze sulla modellazione concettuale e sul formato dei dati.

    ScienceDirect: Integration of BIM and GIS (2019)
    Researchgate: Integrating BIM and GIS (2015)
    Sistemi Informativi Territoriali SIT e software GIS

  • COBie
    COBie (Construction Operations Building Information Exchange) è uno standard (non ISO!) sviluppato da USACE (US Army Corps of Engineers) ed è utilizzato per selezionare e scambiare informazioni per la manutenzione e la gestione degli immobili.
  • LCA
    Life Cycle Assessment (LCA): è uno strumento utilizzato nell'ambito dei CAM per valutare il potenziale impatto ambientale di un prodotto; dall'estrazione delle materie prime, alla produzione, all'utilizzo, fino alla dismissione o alla possibilità di riuso e manutenzione.
  • CAM
    I Criteri Ambientali Minimi (CAM) sono i requisiti definiti per le varie fasi del processo di acquisto della pubblica amministrazione, volti a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita in base al piano per la sostenibilità ambientale dei consumi.

    Ministero dell'Ambiente: i Criteri Ambientali Minimi

  • LEED
    LEED (Leadership in Energy and Environmental Design): protocollo di valutazione della sostenibilità delle costruzioni.
  • ISO
    ISO è l’Organizzazione internazionale per la normazione (International Organization for Standardization). Aderiscono ad ISO gli enti per la normazione nazionale, come l’UNI italiano. L’attività di standardizzazione dei vari enti, ai livelli nazionali e sovranazionali, è fortemente interconnessa. grazie al “Vienna Agreement” del 1992.
  • ISO
    19650
    ISO 19650-1/2:2018 = Organization and digitization of information about buildings and civil engineering works, including building information modelling (BIM) -- Information management using building information modelling --

    Part 1: Concepts and principles
    Part 2: Delivery phase of the assets

  • UNI EN ISO
    19650
    UNI EN ISO 19650-1/2:2019 = Organizzazione e digitalizzazione delle informazioni relative all'edilizia e alle opere di ingegneria civile, incluso il Building Information Modelling (BIM) - Gestione informativa mediante il Building Information Modelling.

    Parte 1: Concetti e principi
    Parte 2: Fase di consegna dei cespiti immobili

  • ISO
    29481
    ISO 29481-1:2016 = Building information models -- Information delivery manual -- Part 1: Methodology and format

    https://www.iso.org/standard/60553.html

  • ISO
    16739
    ISO 16739-1:2018 = Industry Foundation Classes (IFC) for data sharing in the construction and facility management industries -- Part 1: Data schema

    https://www.iso.org/standard/70303.html

  • CEN
    CEN: è il Comitato Europeo di Normazione di cui fanno parte tutti gli stati membri dell’UE, più alcuni stati in ingresso come la Macedonia e la Turchia.

    #

  • EUPPD
    La direttiva con cui il Parlamento Europeo ha approvato, nel 2014, la European Union Public Procurement Directive (EUPPD) che introduce il BIM.

    European Commission – Public Procurement
    Direttiva Comunitaria sul BIM

  • BIM Authoring
    I software che sono in grado di esportare (quindi di creare) un modello BIM in formato IFC. Sono quelle applicazioni in grado di realizzare e modificare il modello BIM nelle principali discipline, architettonica, strutturale ed impiantistica.
  • BIM Processing
    Gli strumenti di BIM Processing (importano IFC ma non l'esportano) sono quelle applicazioni software pensate per le attività di supporto ai processi BIM come, ad esempio, la pianificazione delle attività, l’analisi della contabilità, l’organizzazione delle WBS di progetto, il controllo di cantiere, la gestione della rintracciabilità dei materiali e la gestione documentale.
  • BIM Reviewing
    Gli strumenti di BIM Reviewing (importano IFC ma non l'esportano) sono quelle applicazioni software pensate per le attività di revisione del modello BIM come, ad esempio, la revisione del progetto, la verifica delle interferenze (Clash Detection) e la verifica di corrispondenza del modello ai codici, ai regolamenti e alle normative edilizie vigenti (Code Checking).
  • Clash Detection
    Verifica delle interferenze (Clash Detection).
  • Code Checking
    Verifica di corrispondenza del modello alle richieste progettuali, ai codici, ai regolamenti e alle normative edilizie vigenti (Code Checking).

Fai clic sulla singola casella per aprire una descrizione estesa con link di approfondimento.

Puoi eseguire il download e la stampa in PDF cliccando qui